H3O: il primo lettore MP3 con auricolari subacquei!!

H3oDal mese di ottobre, per smuovermi dalla sedenterietà che mi caratterizza, ho cominciato a frequentare i corsi di nuoto libero alla Costoli.

Uno dei primi giorni, mentre nuotavo entusiasta e facevo le mie vasche, ho pensato… certo però… che palle! Ci vorrebbe un diversivo, possibile che nessuno abbia ancora inventato un lettore MP3 subacqueo?

Un paio di settimane appena più tardi, mentre acquistavo da Sarallo gli occhialini graduati a me assolutamente indispensabili (che già con i tappi per le orecchie divento sordo, figuriamoci anche a togliere gli occhiali e diventare cieco, che riuscissi a entrare e uscire dalla vasca era già un miracolo!), ero proprio nella sezione nuoto (guardacaso!) che mi imbattiedi nell’accattivante manifesto pubblicitario di H3O, lettore MP3 subacqueo della Oregon Scientific marcato Arena.

Non ho resistito e, senza aspettare che il lettore divenisse presto disponibile presso Mediaworld e altri distributori (persino all’Esselunga!), l’ho acquistato su Ebay. A un buon prezzo, devo dire, anche se poi ho avuto qualche disguido con la spedizione (lo avevano mandato inizialmente a Catania!).

La confezione in cui si presenta, tutta rotonda e molto compatta, ha un design moderno e molto gradevole. Include, oltre al lettore, un caricabatterie, gli auricolari standard (non waterproof), un cavo di collegamento usb, un minicd con manuale e driver di installazione.

Per la maggior parte dei sistemi operativi l’installazione dei driver è assolutamente non necessaria dato che il dispositivo viene riconosciuto come una periferica USB di archiviazione di massa ed è sufficiente copiarci dentro i file mp3 (o wma) perchè funzioni. Il manuale PDF, disponibile anche online, è piuttosto misero.

Il lettore è leggero, comodo, piacevolmente gommoso al tatto. La capacità è di 1 GB. È fornito di sintonizzatore Radio FM con 30 stazioni memorizzabili.

Gli auricolari subacquei sostituiscono in maniera egregia i normali tappi, rendendo assolutamente impossibile l’ingresso di acqua nelle orecchie. A tal proposito avevo dei forti dubbi sulla qualità dell’audio che, invece, è molto buona. In una piscina coperta, come quella della Costoli, con il costante rimbombo del’impianto di pressurizzazione del pallone pressostatico, è comunque necessario tenere il volume poco al di sotto del livello massimo, per poter ascoltare una trasmissione radiofonica in podcast senza perdere il filo del discorso di quello che viene detto, mescolando piacevolemente l’eventuale sottofondo musicale con lo sciaguattìo della natazione.

L’uso consigliato per la posizione del lettore, dotato di gancio, è dietro agli occhialini o ad una fascia elastica da braccio. Personalmente lo attacco al costume e, sebbene all’inizio abbia avuto qualche difficoltà e mi sia incastrato nel cavetto degli auricolari, adesso fila tutto abbastanza bene, anche se ogni tanto mi capita di agganciarlo con una bracciata.

Pessimo il firmware. Una capacità di 1 GB rende possibile l’inserimento di numerosi brani, ma l’H3O non prevede altre possibilità di scansione dei file se non quella random (accaso) oppure in ordine alfabetico del titolo del brano dal tag ID3 (o del nome file in assenza del tag). Ciò rende l’esperienza di ascolto in taluni casi alquanto frustrante, soprattutto in considerazione del fatto che uno sta nuotando, ed è pertanto alquanto difficile che si possa fermare per leggere sul display il titolo della traccia desiderata. Sarebbe sufficiente, secondo me, offrire l’opportunità di un ascolto per cartella, da selezionare magari nelle pause che ci si concede durante la nuotata.

Nelle istruzioni si viene avvertiti di non utilizzare il lettore a più di un metro di profondità e per più di mezz’ora consecutiva sott’acqua. Io lo uso regolarmente per quasi un’ora, ma non credo che questa sia la causa del fatto che proprio ieri mi si è guastato l’auricolare destro. Quest’ultimo è un danno che attribuisco all’averci fatto la doccia ascoltando Melog dal solo orecchio sinistro, mentre l’acqua penetrava indisturbata nell’altro auricolare penzolante. Il che mi fa anche un po’ dubitare sulla sua totale waterproof-eria, per non dire impermeabilità. D’altra parte il suono da qualche parte deve pur uscire, e da lì mi sa che è entrata l’acqua.

Il manuale afferma inoltre che non è possibile ascoltare la radio durante la balneazione. La mia esperienza lo smentisce. Nuotando a pelo d’acqua, e quindi non immergendosi, si riescono a captare alla perfezione numerosissime stazioni radio. A volte ci ho ascoltato interi notiziari in quattro vasche o più. Credo che il problema della ricezione di segnale radio in acqua sia piuttosto complesso, ma, se non vado errato, il coefficiente di penetrazione di un’onda elettromagnetica in un mezzo conduttore, oltre a dipendere dalla frequenza dell’onda stessa, è inversamente proporzionale alla radice quadrata della conducibilità del mezzo. In sostanza, più il mezzo conduce, meno l’onda penetra, e sicuramente l’acqua di piscina conduce molto meno dell’acqua marina. Bisognerebbe però fare la prova dopo che ci sono stati a sudare i ragazzi della pallanuoto per verificare questa ipotesi :) .

Il giudizio complessivo è quindi assolutamente positivo. A mio avviso rimane comunque da migliorare il firmware, che ritengo veramente superato per un lettore di capacità così elevata.
Inoltre non sarebbe male, anche se non so come, risolvere la non facile gestione dei cavi degli auricolari. Non vorrei spingermi a suggerire l’adozione di soluzioni avveniristiche come auricolari bluetooth (rimarrebbe il problema della propagazione delle onde elettromagnetiche in acqua) ma una soluzione un po’ più comoda ritengo debba essere trovata.

****o

17 Commenti a “H3O: il primo lettore MP3 con auricolari subacquei!!”

  1. Raffa afferma:

    Ricordo ancora l’entusiasmo di undici anni fa, quando le prime canzoni mp3 iniziarono ad arrivare e ad essere illegalmente scaricabili da internet (Imbruglia, Anouk, The Verve). Mi misi subito a cercare dei lettori mp3, allora ce ne saranno stati due o tre a costi proibitivi. Ma capii già che avrebbero avuto successo.

    Alla fin fine ho comprato il mio primo lettore mp3 portatile solo un anno fa. L’ho usato pochissimo. Più che altro in automobile, ma alla fin fine, da quando hanno aperto Radio Rock, non lo uso più neanche lì, sento la radio. In casa ho una buona collezione di CD e continuo a trovarmi bene con loro. A nuotare preferiso il rilassante sciaguattio dell’acqua. Chissà, forse son retró.

  2. Edo afferma:

    Secondo me sei snob (alla fin fine).

    Radio Rock? c’e’ lo stream?

  3. Raffa afferma:

    Siee, ora snobbe. Vedrai è una questione pratica. Ci ho oltre 200 CD, che sinceramente non ho voglia di mp3zzare (timma gini). In macchina sento la radio FM; al lavoro, quando e dove posso, sento la radio su internet. A casa i CD.

    Ecco lo stream di Radio Rock: http://www.radiorock.fi/player/radiorock.asx

    Però in realtà in streaming sento più spesso YLE extrem: http://mediak.yle.fi/livex3m?.wma

    o Virgin radio: http://ogg2.smgradio.com/vr160.ogg

    E ora sto messaggio verrà spammato perché ho messo troppi link

  4. Mau afferma:

    Ma io l’approvo immantinente!

  5. hronir afferma:

    Com’e’ che quei link spammosi non fungono con Amarok?

  6. hronir afferma:

    BTW, forse a te Edo piacerà Radio Swiss Jazz

  7. Edo afferma:

    Siee, dimmi te se non sei snob!
    Io ho miliardi di ciddi’ ma non ne ho fatto gli emmepittre’, il lettore emmepittre’ lo uso abbestia con i podcast e, ultimamente con jamendo, per esempio ora sono sul funky spagnolo.

  8. Raffa afferma:

    @hronir: non so cosa sia codesto a’ Marok, ma su Winamp funzionan tutti e tre.

    @Edo: ora, giuee. Al podcast non sono abituato. Sento la radio in streaming e scarico Melog e SieeGiueeAccaso in mp3.

  9. hronir afferma:

    Amarok e’ il Winamp di càppadìé…

  10. Edo afferma:

    Simma un funziona! Amme’ non mamma i preso i podca. Massara’ colpa di debia.

  11. SilviaMO afferma:

    http://www.swimman.com/main.html

    Mau avevi visto anche questo???

  12. Mau afferma:

    No, a dire la verità no, però avevo visto questo…

    http://www.h2oaudio.com/

    e anche questo:

    http://www.aquasphere.it/index.php?option=com_content&task=view&id=45&Itemid=185

    ma devo dire che ultimamente questo tipo di prodotti sta veramente esplodendo… guarda un po’ qua…

    http://www.waterproofmusic.com/

  13. Enrico afferma:

    Ciao…
    Il probema auricolari, l’hai poi risolto? Io ho uno Speedo Aquabeat, stesso principio. Solo che dopo tre mesi in cui ha funzionato benissimo, ora non vanno più gli auricolari… dove si trovano? Sembra impossibile trovarne altri… e non riesco più a fare la mia ora di nuoto contando le vasche :-) !!!

  14. Mau afferma:

    Il lettore mi è stato sostituito in garanzia, compresi quindi gli auricolari. Devo dire che qualche settimana dopo pensai di avere danneggiato il nuovo modello inviatomi in sostituzione, perché mi ci gettai in acqua senza avvitare il meccanismo di chiusura. L’acqua penetrò ogni dove e il lettore smise di funzionare. A nulla valsero al momento il tentativo di apertura e la mezz’ora prolungata di phon, ma dopo una torrida estate riprese a funzionare perfettamente. Questo inverno ci ho ascoltato anche qualche audiolibro nuotando.

  15. Carlo afferma:

    Ciao,
    Sei riuscito a trovare un aggiornamento per il firmware? Sul sito ufficiale tutto tace…

  16. Craguss afferma:

    Mau avevi visto anche questo???

    http://www.ipodswimming.com

  17. waterproof mp3 afferma:

    Sto cercando un mp3 impermeabile che può essere utilizzato non solo per il nuoto, ma anche per il surf e kitesurf. Ho letto di Finis SwiMP3 ma non credo che sarà un bene per il surf, perché sembra che possa cadere molto facilmente.

Lascia un commento